Ricerche per corrispondenza

Presso l'Archivio di Stato di Savona vengono effettuate, su richiesta, ricerche per corrispondenza. Per usufruire del servizio è fondamentale che l'oggetto della ricerca sia ben definito e che la richiesta sia corredata da tutte le informazioni necessarie a circoscrivere quanto più possibile l'indagine nei fondi di pertinenza. A tal proposito, si consiglia di consultare preventivamente la sezione del patrimonio documentario dell’Istituto, in cui sono elencati tutti i fondi conservati presso l'Archivio di Stato di Savona. In nessun caso i funzionari dell’Archivio di Stato potranno sostituirsi ai ricercatori, effettuando indagini di ampio respiro per loro conto. Per le istanze prive di riferimenti archivistici sufficienti, le risposte saranno limitate alla segnalazione dei fondi e delle serie eventualmente utili per una ricerca diretta da parte dell’interessato.

Le richieste per corrispondenza devono essere trasmesse via e-mail (as-sv@beniculturali.it) o via posta elettronica certificata (mbac-as-sv@mailcert.beniculturali.it).

Il tempo massimo di risposta è di 30 giorni dalla data di protocollazione della richiesta.

Per i costi riguardanti l'invio delle riproduzioni, si rimanda al tariffario allegato al Regolamento dell'Archivio di Stato di Savona. Le copie richieste saranno trasmesse esclusivamente tramite posta elettronica.

Per informazioni sulle fonti per le ricerche genealogiche, si inviata a consultare la pagina dedicata.

Modalità di pagamento

Il pagamento dovrà avvenire attraverso l'utilizzo del Portale dei pagamenti del Ministero della cultura che consente, in attuazione dell'art. 5, comma 2 del D.Lgs 7 marzo 2005, n. 82, recante il "Codice dell’Amministrazione Digitale", di eseguire tramite Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) aderenti, i pagamenti verso la Pubblica Amministrazione in modalità standardizzata.

L'art. 24, comma 2 della Legge 11 settembre 2020, n. 120 di conversione in legge, con modificazioni, del Decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76, recante Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitali, ha modificato l'art. 65, comma 2 del D.Lgs. 31 dicembre 2017, n. 217, con il quale sono stati resi obbligatori i pagamenti elettronici verso la Pubblica Amministrazione dal 28 febbraio 2021.

Attraverso il Portale dei pagamenti del Ministero della cultura è possibile pagare con carta di credito, bonifico o carta prepagata.

Dopo aver selezionato Istituti Mibact - Archivio di Stato di Savona, l'Utente dovrà accedere tramite le proprie credenziali (registrandosi nel caso non fosse ancora iscritto) e scegliere la modalità di pagamento.

Si specifica che le spese di riproduzione non includono i costi del PSP (Prestatore di Servizi di Pagamento) che aderisce al servizio di PagoPA.

Soltanto a seguito di verifica del pagamento correttamente effettuato potranno essere spedite le immagini digitali al richiedente.